UNITED NATIONS
COMMISSIONE PER I DIRITTI UMANI
Working Group On Indigenous Populations
Geneva 22 to 26 July 2002


La Declaration di Rosalba Nattero

Signor Presidente,

il mio nome Ŕ Rosalba Nattero. Sono la responsabile della Commissione per la Difesa di Mount Graham della Ecospirituality Foundation che ha sede in Torino, Italia, e sono stata nominata Rappresentante della Apache Survival Coalition.
Sono qui per parlare a nome di Ola Cassadore, Presidente dell'Apache Survival Coalition, della violazione dei diritti religiosi del Popolo Apache a causa della costruzione dell'Osservatorio astronomico che l'UniversitÓ dell'Arizona, insieme ad altri partners, sta costruendo sulla loro montagna sacra, distruggendo la parte considerata pi¨ sacra e impedendo agli Apache l'accesso alla sua sommitÓ.
Mount Graham riveste da tempi immemorabili una funzione importante per la comunita' Apache: e' infatti considerato il loro massimo luogo sacro. Per gli Apache, Mount Graham rappresenta un luogo di culto e di guarigione. Su questo monte trovano erbe, acque e piante per le loro azioni terapeutiche.
La montagna e' sempre stata usata dagli Apache per cerimonie religiose collettive e per pratiche spirituali individuali. Ha quindi un ruolo centrale e fondamentale nella cultura e nella religiosita' Apache.
Il Consiglio Tribale degli Apache San Carlos ha votato numerose rusoluzioni ufficiali contro il progetto, visto come una dissacrazione. Queste risoluzioni sono state supportate dalle altre Nazioni Apache e dalla maggior parte delle altre Nazioni indiane. Il maggior movimento di opposizione Ŕ l'Apache Survival Coalition, fondato da Ola Cassadore Davis e supportato dal Consiglio Tribale degli Apache San Carlos.
Gli Apache hanno al loro fianco numerose Trib¨ e movimenti indiani, tra cui l'International Indian Treaty Council, il National Congress of American Indians, l'American Indian Religious Freedom Coalition, la White Mountain Apache Tribe, la Fort Apache indian Reservation, la White Mountain Apache Heritage Program, la Navajo Nation, i Tohono O'Odham e molti altri. Mount Graham rappresenta un patrimonio unico di diversita' biologica del Nord America, essendo uno dei rari ecosistemi inalterati nel deserto del Sud Ovest degli Stati Uniti e del Messico. Unico nel suo genere perche' rappresenta l'ultimo esempio rimasto nella zona dell'habitat ecologico esistente nell'ultima glaciazione.
L'area possiede 5 delle 7 zone vegetali del nord America che vanno dalla vegetazione desertica alla foresta boreale. E' anche presente un rarissimo tipo di pinacea a grosso fusto, la "Spruce Firs".
Sulla montagna vive lo Scoiattolo Rosso di Mount Graham, una specie dichiarata a rischio di estinzione. La montagna ospita inoltre altre 17 specie endemiche di animali e vegetali. Per questi motivi a fianco degli Apache si sono mobilitati gruppi ambientalisti e gruppi di sostegno di tutto il mondo, con il risultato che molti degli sponsor si sono ritirati. Il secondo telescopio Ŕ stato costruito dal Max Planck Institute tedesco, ma l'istituto si Ŕ ritirato a causa della scarsa visibilitÓ del sito; tuttavia il progetto non Ŕ stato fermato. A questo progetto, oltre all'UniversitÓ dell'Arizona, partecipa il Vaticano come importante sponsor, il cui telescopio Ŕ l'unico attualmente in funzione. Anche l'Italia Ŕ coinvolta attraverso l'Osservatorio di Arcetri (FI), che non ha finora ascoltato i numerosi appelli di Ola Cassadore e di tutti i suoi collaboratori.
Negli ultimi dieci anni numerose delegazioni di Apache sono venute in Italia per chiedere al governo di bloccare i fondi per Mt. Graham, ma gli appelli sono rimasti inascoltati. Sono state presentate proposte di legge per bloccare i fondi destinati all'Osservatorio, ma non hanno avuto finora nessun esito.
Una mozione Ŕ stata presentata alla Camera dei Deputati del Parlamento italiano in cui si chiede il blocco dei fondi. La mozione, firmata da 35 parlamentari di tutti i Gruppi, Ŕ stata discussa nel gennaio 2002, ma la discussione Ŕ stata aggiornata a data da destinarsi.
Mount Graham rappresenta un simbolo importante per l'unitÓ sociale degli Apache San Carlos e per la sopravvivenza della loro cultura. Troppe volte i territori sacri dei nativi americani, e dei popoli indigeni in generale, sono stati violati a danno della sopravvivenza della loro cultura e delle loro tradizioni.
Da parecchi anni lavoriamo a fianco di Ola Cassadore per fermare un progetto che sta distruggendo un luogo sacro per gli Apache. Il nostro operato consiste nel diffondere in Europa l'informazione della violazione in atto, e di convincere i partners a ritirarsi.
Chiediamo fortemente che questa Commissione prenda in esame il problema degli Apache San Carlos e ci aiuti a difendere i loro diritti culturali e religiosi.

Grazie Signor Presidente.


Rosalba Nattero
Rappresentante dell'Apache Survival Coalition
VicePresidente della Ecospirituality Foundation